Add Editoire

Centinaia di clacson di diversa tonalità mi circondano e ricoprono l’angolo di Dhaka in cui mi trovo. Cori di proteste di carattere politico si alzano nell’aria, avvolti in polvere che sale e scende seguendo il movimento della folla. Il Bangladesh è un paese sovrappopolato, denso di vite che si dimenano in un ambiente faticoso: il clima, lo stato delle infrastrutture che non segue il passo delle pretese di sviluppo economico, le distese di fabbriche che inquinano incessantemente. L’acqua nera.